Recensione - Parco Avventura Treja

Avventura, emozione, divertimento, natura. Questi gli ingredienti principali che rendono il “Parco Avventura Treja” un'esperienza davvero indimenticabile per grandi e piccoli!


A pochi km da Roma, nella località di Mazzano Romano (dove si arriva facilmente percorrendo la Cassia Bis Veientana) potrete trascorrere una giornata decisamente diversa dalla solita routine, all'interno di un vero e proprio bosco fitto di alberi e vegetazione, e di conseguenza molto ombreggiato.

“Tutto molto bello” direte voi, “Ma cos'è esattamente un parco avventura?”

Una serie di percorsi sospesi, a diverse altezze e di diversi livelli di difficoltà, da svolgere in sicurezza provvisti di adeguato equipaggiamento (imbracatura, moschettoni, carrucole, casco etc.) e sotto la supervisione di personale cordiale e qualificato, saltando da un albero all'altro a metà tra Tarzan e Indiana Jones!



Ma andiamo con ordine: l'ingresso è gratuito ed il parco è provvisto di aree pic nic, tavoli, damigiane d'acqua per sciacquarsi e darsi una leggera rinfrescata, bagni (ahimè chimici ma comunque dignitosamente puliti e accessibili), bar.
Noi siamo andati una domenica di luglio e nonostante la temperatura della giornata fosse decisamente afosa, abbiamo comunque apprezzato la tanta ombra al di sotto della fitta vegetazione boschiva.

L'accesso ai percorsi per quanto riguarda i bambini è ammesso a partire da un metro di altezza. Ma al di là della pura questione centimetrica, la mia modesta opinione è che i bimbi abbiano almeno 4 anni. Seppure i percorsi baby siano ovviamente molto più semplici di quelli per gli adulti, sono richiesti comunque un minimo di concentrazione, equilibrio e coordinazione. Il nostro bimbo di 4 e mezzo e la sua amichetta di 4 se la sono cavata alla grande seppur con qualche lievissima difficoltà. Per questo, in linea generale, lo sconsiglio ai bimbi più piccoli di 4 anni (poi ovviamente ogni bambino è diverso, starà a voi genitori giudicare!)


Per quanto concerne i prezzi per noleggiare l' attrezzatura ed usufruire dei percorsi durante i weekend ed i festivi, i bimbi tra 1 e 1,35 metri pagano 12€ mentre gli adulti (o ragazzi) al di sopra di 1,35 metri pagano 18€ (per un massimo di 3 ore)




I bimbi più piccoli devono necessariamente essere seguiti ed aiutati costantemente da un genitore. Prima di lanciarsi nell'avventura, i piccolini vengono istruiti dal personale, e gli adulti devono guardare un video esplicativo in cui apprendono come utilizzare in piena sicurezza l'attrezzatura per affrontare i vari percorsi.


Noi eravamo due famiglie con un totale di tre bambini: i due di 4 anni di cui parlavo prima, ed una di 10 anni che supera abbondantemente il metro e 35 e che ha pertanto potuto scatenarsi nei percorsi per i più grandi, dando grande prova di coraggio ed abilità!


Anche i papà si sono lanciati nell'avventura, divertendosi forse anche più dei piccoli! 



Noi mamme invece abbiamo preferito goderci il tutto dal basso, tra un gelato, un panino e tanti litri di acqua fresca! Ma chissà che la prossima volta non decideremo di metterci in gioco anche noi?


Per quanto mi riguarda, dopo tanto tempo, ho deciso di portare con me la macchina fotografica nonostante non fosse per lavoro e ne ho approfittato per fare un mini-reportage ai nostri piccoli e grandi “esploratori”...quindi alla fine...mi sono divertita anche io!

Parco avventura Treja: super family friendly e super promosso!




Guarda il video con tutte le foto! 




























 Foto di Beatrice Alvino - © All rights reserved | Tutti i diritti sono riservati | ©Beatrice Alvino Fotografa

Commenti

Post più popolari